Vai ai contenuti

Mascherina fai da te - Integrazioni

Cosa facciamo > Associazione Religiosa Clericale > Opere di Apostolato

Mascherina fai da te
Una modalità economica per realizzarla


INTEGRAZIONI

Modalità di cucitura della Mascherina
 
Nell’articolo di riferimento viene tra l’altro indicata la modalità della “cucitura”, più precisamente la successione dei fori che viene osservata per realizzare l’assemblamento della mascherina.
 
Al riguardo viene detto che si procede dal punto A1 fino al punto F1 e dal punto A2 al punto F2, agendo su una metà della mascherina, e si procede dal punto A3 fino al punto F3 e dal punto A4 al punto F4 sull’altra metà della mascherina.
 
In realtà si può seguire un’altra successione con risultati simili, precisamente quando si è oltrepassato il punto C, invece di passare dal punto D, si salta e si passa dal punto F e quindi si torna indietro passando dal punto E, successivamente si esce dal punto D.
 
Questa operazione deve essere fatta naturalmente sulle due parti della stessa metà della mascherina, può essere fatta anche sulle altre due parti dell’altra metà della mascherina ma non necessariamente.
 
Ne deriva che ci sono tre possibilità di assemblamento della mascherina: quella indicata nell’articolo di riferimento; quella che prevede per tutte e due le metà della mascherina la nuova modalità di successione indicata in questo articolo; quella che prevede l’applicazione delle due diverse modalità di cucitura: una modalità su una metà della mascherina e l’altra modalità sulla seconda metà della mascherina.
 
Ognuno potrà sperimentare quali debbano essere le modalità più opportune per la cucitura della mascherina, tenendo conto che la mascherina può essere indossata in due modi diversi: secondo una prima modalità ma anche secondo una modalità ruotata di 180 gradi rispetto alla prima modalità.

 

.
.

Rifinitura della cucitura della Mascherina
 
La scelta di quale modalità di cucitura utilizzare, e di quale modo seguire per indossarla, deriva anche dalla possibilità di realizzare una rifinitura una volta che sia terminata la cucitura della mascherina, qualunque sia stata la modalità di cucitura della mascherina stessa.
 
Si tratta di questo: lavorando sull’esterno della mascherina, si prende il capo di una stringa, si piega di 90 gradi verso il basso e quindi si procede verso l’interno della mascherina dove c’è la porzione di stringa che esce dal foro B. Il capo che abbiamo presso lo facciamo passare sopra la porzione di stringa, lo infiliamo al di sotto di essa, e lo facciamo subito uscire verso l’esterno.
 
Naturalmente se facciamo questa operazione su un lato della mascherina, dobbiamo farla anche sull’altro lato; non necessariamente però bisogna fare la stessa operazione sull’altra metà della mascherina.
 
Questa operazione, specie in alcuni casi di cucitura, può rivelarsi opportuna perché garantisce una maggiore adesione della mascherina al volto.
 

.
.

...
info@famigliasannicodemo.it
Torna ai contenuti